Come capire se è l'ambra vera?

Come capire se l’ambra è vera?

condividi questo articolo su:

Come capire se l’ambra è vera?

E se fosse plastica?

La Via dell’Ambra è l’unico negozio in Veneto specializzato in ambra baltica. Se lo ripeto in apertura di questo articolo non è solo per ricordare una caratteristica che mi rende orgogliosa, ma anche per sottolineare una responsabilità che ho iniziato a riconoscere nel tempo, nel dialogo quotidiano con le persone: spesso, infatti, vengono a farmi visita clienti e appassionati dell’“Oro del Nord” appositamente per chiedermi una consulenza e sapere se i loro gioielli sono veramente in ambra naturale.

Purtroppo, non sempre è così. Anzi, in molti casi si tratta di banalissima plastica – niente di più, niente di meno.

Collane in plastica

Collane in plastica

Tre metodi empirici

L’attenzione per questo aspetto, come è comprensibile, mi coinvolge sia come amante dell’ambra che come commerciante specializzata: per questo, già due anni fa pubblicai un video in cui descrivevo i 3 metodi per valutare se un gioiello sia in vera ambra baltica – la resina fossile risalente a circa 50.000 di anni fa, quando la plastica era ben lungi dall’essere inventata.

Il video ha suscitato molto interesse e raggiunto un grande numero di visualizzazioni e così ho deciso di riproporlo all’interno del mio nuovo blog.

Nessuna intenzione di fare “spoiler”, ma ci tengo ad anticiparvi in breve i metodi per riconoscere la vera ambra, così che possiate seguire il video con ancora maggiore facilità. Si tratta, chiaramente, di metodi ‘empirici’ e facilmente applicabili da ognuno di noi: non includo i metodi professionali, che si seguono in laboratorio per avere evidenze scientifiche.

Nonostante ciò, quanto vi racconto e propongo sono buone procedure, che offrono risultati ragionevolmente certi. Fine delle – doverose – premesse, ecco i metodi in sintesi:

1. la prova dell’elettrostaticità: l’ambra è elettrostatica e quindi se strofinata su un tessuto di lana è in grado di attirare piccoli pezzetti di carta;

2. la prova del fuoco: essendo una resina, l’ambra brucia molto bene. Anche solo riscaldandola, si sente l’odore del pino – emozionante, vero?

3. la prova dell’acqua salata: l’ambra è così leggera che, immersa nell’acqua salata, galleggia.

Mi resta un dubbio…

Avete visto il video? Bene. Avete deciso di finire, prima, di leggere l’articolo e siete finiti direttamente qui? OK. In ogni caso, ci tengo a ricordarvi quanto già detto: questi metodi sono empirici, non hanno una valore scientifico.

Alcune plastiche, infatti, sono molto leggere – rendendo poco attendibile la prova dell’acqua salata; altre si caricano elettrostaticamente – e i pezzetti di carta, questi traditori, ‘seguono’ anche loro! In ultima analisi, la prova del fuoco (di nome e di fatto) rimane sempre il metodo più sicuro – ma, ahimè, comporta il rischio di rovinare l’ambra: scoprire in questo modo che i nostri orecchini, anelli o collane sono in vera ambra non dà esattamente… gioia.

Un esperto cosa fa?

Cosa fare, allora? Il mio consiglio, va da sé, è di parlare innanzitutto con il venditore e capire quanto effettivamente sia preparato in materia. Chiunque venda ambra dovrebbe conoscerne la provenienza, le caratteristiche fisiche – così da essere in grado di spiegare perché l’ambra che sta vendendo dovrebbe essere naturale.

Spesso nei negozi si esibiscono certificazioni per provare che l’ambra è vera: è sicuramente un elemento in più al fine di rassicurarci della ‘bontà’ del prodotto, ma non si tratta neanche in questo caso di una garanzia assoluta, perché in molti casi quelle che sembrano certificazioni con tutti i crismi sono in realtà autodichiarazioni senza alcun valore.

Scherzando, si dice che ogni venditore di ambra, se è sicuro al 100% che ciò che vende è autentica ambra naturale, dovrebbe bruciare l’ambra davanti al cliente. Beh, io ogni tanto lo faccio. Ogni tanto però, eh!

Ramune, titolare de La Via dell’Ambra

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Autore

Ramune Kupsyte

Ramune Kupsyte, titolare del negozio
“La Via dell’Ambra” specializzato in ambra baltica.
Bassano del Grappa (Vicenza).
La vita nell’ambra. Si trovano anche i dinosauri?
Cosa c’è di così speciale nei cosmetici minerali?
TAG : , , ,

1 Commento. Nuovo commento

  • Io ho un bellissimo ciondolo in ambra baltica, circondato da una romantica cornice in argento placcato oro 24 Kt. Sembra un piccolo specchio ovale, come quelli che nel Settecento si appendevano alle pareti delle stanze perché le dame potessero rimirarvisi… “Specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”… (Bello e interessante l’articolo della simpatica Ramune Kupsyte!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

altri articoli…

Menu